LOSTinSTORYTELLING

Marocco, AGADIR - OUARZAZATE: Ma cos.. oooh un autoarticolato bloccato su un tornante...



Settembre 2018

Giorno 16: Agadir - Ouarzazate

Poi provate a dirmi che questo diario di viaggio non è interessante... oggi vi spiegherò come si fa a sbloccare un autoarticolato (trasporto eccezionale) che è rimasto incastrato in un tornante sulle montagne dell’Atlante ad una trentina di chilometri da Ouarzazate.



Per prima cosa vorrei davvero capire chi ha avuto la bella idea di percorrere una strada di montagna piena di curve a gomito guidando un autoarticolato con un trasporto eccezionale molto più lungo del solito. No perché ci vuole davvero molto ottimismo a pensare che non sarebbe accaduto quello che poi ovviamente è accaduto.

Il modo più semplice per sbloccare il nostro caro autoarticolato sarebbe chiamare Superman. Alzerebbe il rimorchio con un dito e lo metterebbe sulla retta via evitando che le innumerevoli persone rimaste bloccate in strada grazie al genio dell’autista compromettano la loro virtù a forza di imprecazioni. Purtroppo Superman probabilmente era impegnato a vivere nell’universo della Marvel oppure gli hanno negato l’ingresso in Marocco perché il suo mondo non fa parte dei paesi che hanno la convenzione e chiedere un visto per l’ingresso in Marocco può essere un procedimento lungo.



Seconda ipotesi: si chiama una ruspa che smuove un po’ di terreno, e allarga la strada dove si può allargare per permettere alle rimorchio di passare (anche se devo essere sincera, non so mica quanto sia sicuro questo procedimento).

Ovviamente quando ti trovi davanti ad una cosa del genere si assiste alla migrazione spontanea di ogni cromosoma Y esistente nel raggio di un chilometro verso il luogo del cantiere improvvisato.

Dopo le ore necessarie a riportare in strada l’autoarticolato e ripristinare la viabilità è necessaria un’altra buona mezz’ora per recuperare i cromosomi Y (compreso l’autista) rimasti incantati davanti alla ruspa manco fosse una sirena e loro novelli Ulisse incantati dal rumore dei cingoli.

Credo qualche cromosoma Y sia rimasto nei paraggi a dirigere la chiusura del cantiere come ormai è prassi per gli esponenti del genere maschile dopo essere entrati in quell’età là, dove un cantiere aperto attira più di una gonnella.



- - -

Share
Link
https://www.lostinstorytelling.com/marocco_agadir_ouarzazate_ma_cos_oooh_un_autoarticolato_bloccato_su_un_tornante-d8514
CLOSE
loading